Gli Igers: questi strani personaggi

Gli Igers: questi strani personaggi

Ci sono dei termini che sentiamo nominare ripetutamente ma di cui non abbiamo mai compreso del tutto il significato. Oppure ne abbiamo una vaga idea, ma se dovessero chiederci di spiegarne il senso ci troveremo a tracciarne i contorni in maniera molto generica.

Uno di questi è sicuramente Igers. Arcinoto nella comunicazione social, chi non ha mai incrociato questa strana parola su Instagram tra gli hashtag della foto di un tramonto o di un bel paesaggio?
Per farla breve gli Igers (o instagramers) sono i membri di una community di fotografi, o semplici appassionati, che pubblicano i propri scatti su gruppi tematici di Instagram riservati ad un determinato argomento. Esistono migliaia di canali dedicati a città o regioni, ad es. IgersRoma, IgersToscana, IgersFirenze, IgersSardegna. Alcuni di questi canali hanno anche dei siti web dedicati, come ad esempio IgersItalia.
Oltre alle community territoriali esistono anche quelle che hanno per oggetto determinate tematiche, ad es. musica, videogiochi, sport, ecc.

Dunque ricapitolando gli Igers non sono degli strani personaggi che passano tutto il tempo a spararsi selfie fotografandosi dalla vita in giù sdraiati in spiaggia, quelli sono i poser 🙂 . Gli Igers sono una community e succede che i membri delle community si incontrino anche nella vita reale. Organizzano dei meeting (instameet), per socializzare e fotografare paesaggi o eventi particolari, alla ricerca dello scatto perfetto. E se qualcuno può pensare che gli instameet non siano altro che dei ritrovi per un gruppo sparuto di nerd della fotografia, in realtà non è così. I partecipanti sono numerosi, e non di rado un po’ per divertimento o dando libero sfogo alla creatività vengono fuori degli scatti semplicemente fantastici. Tra l’altro quando si parla di incontri molto frequentati non lo si dice per esagerare. Ad esempio, Igers Sardegna, che è la community più seguita in Italia, conta oltre 53 mila follower.

Speriamo con questo articolo di aver fatto chiarezza sulla figura dell’Iger, affinchè nell’immaginario collettivo non venga più identificato come colui che fotografa le cose da magnà.

Alla prossima!

Web designer, appassionato di comunicazione digitale e fondatore di Httpixel. Compilatore compulsivo di playlist su Spotify.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.